Comunicazione del Preside e auguri natalizi

Il .

Milo
 
Buongiorno cari docenti e cari allievi.
Innanzitutto Vi ringrazio per il grande impegno fin qui profuso nella didattica a distanza che ci ha permesso di stare al passo con la progettazione educativo-didattica, a suo tempo deliberata dai dipartimenti disciplinari e dal collegio dei docenti. La trascorsa condizione di permanenza a casa, cautelativa nei confronti del Covid, ha richiesto, agli studenti in particolare, spirito di adattamento, responsabilità, equilibrio, autonomia – “roba” non da poco, semmai espressione di carattere che merita tutto il mio plauso.
Son trascorsi oltre tre mesi dall’inizio dell’anno scolastico e, sia pur in diverse modalità, molto lavoro è stato svolto e molto altro ancora ci attende.
Dal prossimo mercoledì, con l’inizio delle vacanze natalizie si chiudono i cancelli sulla prima parte dell’anno scolastico.
Come ben sappiamo, la parola “vacanza” deriva dal verbo latino “vacare”, da cui “vacante”, ovvero “vuoto, mancante, libero, non occupato” e, riferito all’applicazione didattica, direi che il termine risulta quanto mai appropriato dopo un faticoso periodo di intere mattinate con gli occhi fissi al computer. Nelle prossime due settimane di pausa natalizia saremo tutti liberi di “staccare la spina”, di godere appieno un meritato riposo, e anche la lettura di un libro, la visione di un filmato, l’approfondimento di un tema d’interesse potranno e dovranno essere di esclusivo piacere e intendimento personale, nella serena cornice del focolare domestico.
A cominciare da me stesso, porgo l’invito a cogliere l’occasione di una passeggiata per calpestare la neve, per osservare il paesaggio dall’alpe alla pianura, per visitare un borgo nelle valli biellesi, per scoprire un angolo storico del nostro paese o della città di Biella: avremo la sensazione di ritrovare noi stessi in panni diversi, respirando benefica aria natalizia.
Con martedì 22 dicembre si chiude la prima parte dell’anno scolastico e le lezioni resteranno sospese fino a giovedì 7 gennaio, allorché ci incammineremo nel secondo tratto del nostro percorso educativo. Nelle due settimana di vacanza potremo vivere in pienezza momenti di carattere familiare e spirituale – d’altra parte questi periodi di “disimpegno” sono posti con buonsenso all’interno del calendario scolastico, nella piena consapevolezza che al tessitore non è chiesto di battere il telaio nel dì di festa.
Dal giorno 7 gennaio inizieranno gli scrutini dei risultati conseguiti entro il 22 dicembre, giorno in cui – come detto – verranno sospese le lezioni in DAD e ogni relativa valutazione. Quando parliamo di “valutazione” intendiamo in senso etimologico l’azione del “dare valore”, che non significa l’esclusiva somma e media dei voti conseguiti, ma bensì l’inclusiva attribuzione di valore al risultato, considerando anche l’impegno, la serietà, i progressi maturati e dimostrati.
Nei giudizi numerici di prove scritte, orali, grafiche e pratiche, con voti che vanno fino a 10, trovano normalmente espressione tanto la qualità dello studio evidenziata dagli allievi, quanto l’arte dell’insegnamento messa in campo dai docenti. Nel mio ruolo è davvero gratificante presiedere scrutini con voti lusinghieri, e nel nostro istituto le soddisfazioni in proposito non mancano, grazie a bravi insegnanti e ragazzi volenterosi.
Da mercoledì 7 a mercoledì 13 gennaio i docenti non avanzeranno col programma ma si dedicheranno al ripasso di argomenti svolti che meritano maggior messa a fuoco. Contestualmente prenderanno avvio i corsi di recupero per gli allievi che, al momento, non abbiano raggiunto la sufficienza in alcune discipline fondanti il corso di studio.
In riferimento alle modalità di un possibile ritorno a scuola a gennaio, con attività di didattica in presenza per un certo numero di classi a rotazione, Vi comunico che ad oggi non sono del tutto chiari i termini esecutivi dell’ultima disposizione del governo: in ogni caso, sarete puntualmente informati sul da farsi.
Con l’augurio più caloroso di buone feste natalizie, che Vi prego di estendere ai Vostri familiari, Vi saluto cordialmente.
Il Dirigente Scolastico
Dott. Donato Gentile